Tecnologie

Mettendo da parte l’utilizzo di piattaforme come Amazon o Ebay, che normalmente poco si prestano allo sviluppo del tuo marchio e del tuo business per diversi motivi, eccoti una panoramica su alcune delle tecnologie piu’ interessanti al momento.

Shopify

Il sistema più efficace e moderno per un go-to-market immediato e’ sicuramente Shopify. Facilissimo da usare, sufficientemente capace per gestire la maggior parte dei tuoi requisiti, include già dal primo momento una piattaforma di pagamenti. Questo non un fattore di poco conto.

Il supporto, altro fattore prioritario,  e’ poi veramente ottimo.

L’azienda canadese, ha goduto di un eccezionale valorizzazione sul mercato azionario nell’ultimo anno. Questo le da’ enormi risorse disponibili per investimento. Investimenti che in effetti si traducono in una sbalorditiva attenzione al cliente.

Shopify puo’ sicuramente costituire la piattaforma per una presenza immediata ed iniziare a vendere.

Attenzione pero’ che la facilita’ d’uso ed immediatezza rivelano alla lunga limitazioni importanti.

Quali sono?  Una e’ ovviamente il costo. La piattaforma non e’ gratis, ma soprattutto, il costo di ingresso (circa 30 Euro al mese) sale molto rapidamente man mano che si comincia a vendere e che si richiedono funzioni piu’ avanzate. C’e’ infatti un costo percentuale sull’intero fatturato, e non e’  bassissimo, oltre che a costi mensili in crescita.

Oltre ai costi, l’ecosistema Shopify, anche se vasto e’ un sistema chiuso. Il software infatti NON e’ opensource. Le possibilita’ di “smanettare” con le funzioni ed il software sono praticamente inesistenti. Un vantaggio questo forse all’inizio ma poi un’ostacolo insormontabile se si presentassero esigenze particolari.

Ovviamente supporta l’Italiano e la maggior parte delle esigenze del nostro mercato (IVA, tipologia di trasorti etc.).

Woocommerce

Il sistema forse piu’ “democratico” e’ Woocommerce. Basato sull’ecosistema di blogging piu’ diffuso al mondo, WordPress, e’ in grandissima espansione, anche in Europa, con centinaia di migliaia di istallazioni ed una maket-share in fortissima crescita.

Attenzione, a differenza di WordPress, Woocommerce ha un forte carattere commerciale. Si tratta infatti di un “plugin” prodotto da un’azienda separata, Automattic, che commercializza diversi prodotti e servizi attorno alla piattaforma base.

Rispetto a Shopify, realizzare un negozio online e’ sicuramente piu’ laborioso. Innanzitutto e’ necessario optare per una piattaforma di hosting. Woocommerce.com offre questo servizio a pagamento se si desidera. Poi e’ necessario integrare una piattaforma di pagamenti, come Paypal, o Stripe. Non e’ complicatissimo ma certo entrambe richiedono qualche competenza tecnica. Probabilmente Stripe offre un processo piu’ lineare e comprensibile.

Woocommerce e’ pero’ opensource quindi si puo’ partire con investimenti veramente bassissimi e la grande diffusione consente di trovare plugin ed estensioni per le esigenze piu’ disparate.

Alla lunga pero’ sono necessarie competenze tecniche, in proporzione alla complessità del tuo business.

Shopware

Il terzo sistema che puoi considerare, anche questo  disponibile in modalita’ opensource, quindi che ti consente di partire con bassi costi, e’ il Shopware. Shopware e’ un’azienda tedesca che negli ultimi anni ha goduto di grande successo non solo in Germania ma in diversi paesi Europei e negli UK. A differenza dei produttori americani (come I primi due, per la precisione Shopify e’ canadese), Shopware ha funzioni molto piu’ tarate per business europeo. Ad esempio, la gestione dell’IVA o quello dei trasporti sono molto piu’ aderenti alla nostra realta’ italiana rispetto a qualunque soluzione “made in the USA”.

Nella versione 6, uscita da pochi mesi, offre un ventaglio di possibilità veramente impressionante e modernissimo. Non ultimo quello di consentire la costruzione di un sistema “headless”, ossia in cui tutta la parte visiva e’ separata da quella di content management (CMS) e programmabile a piacimento. Questa e’ una garanzia di estrema flessibilita’ ed all’avanguardia delle attuali tecnologie.

Una bellissima piattaforma quindi, estremamente completa, ma quando si vuole optare per le versioni professionali, I costi sono ragguardevoli. Costi sempre però più che ragionevoli se confrontati a quelli di soluzioni simili di classe enterprise, come Salesforce, Adobe eccetera. La versione Community non gode di alcun supporto da parte dell’azienda.